Diritto Industriale

Proprietà Intellettuale: Diritto Industriale e Proprietà Intellettuale (difesa marchi, brevetti, design, know how, varietà vegetali, diritto d’autore)

Il diritto della proprietà intellettuale riguarda la tutela di marchi d’impresa, brevetti per invenzione, design, know how, varietà vegetali nonchè diritto d’autore.

I diritti di proprietà industriale costituiscono un importante asset aziendale da sviluppare e tutelare: il valore delle aziende, infatti, è oggi sempre più rappresentato da beni intangibili come il marchio, i brevetti, il design.

Come tutelarsi?

Il problema sostanziale risiede nel fatto che le “idee”, intese come intuizioni, progetti, iniziative che non si concretizzano in una soluzione tecnica, non sono tutelabili.

Per legge, infatti, le idee sono liberamente apprezzabili ed utilizzabili da chiunque.

Tutte le volte in cui, però, le idee siano qualcosa di più di un mero progetto commerciale e si concretizzino in un oggetto materiale, allora è possibile ed addirittura consigliabile depositare una domanda di registrazione, che è l’unico strumento che garantisce una protezione forte contro gli imitatori, scegliendo tra le diverse tipologie previste dalla legge:

Perché rivolgersi ad un avvocato specializzato?

L’avvocato esperto in IP offre una consulenza strategica in relazione allo sviluppo ed allo sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale per privati e aziende. Quando si tratta della protezione dei vostri diritti di proprietà industriale, la gestione e  la tutela dei vostri diritti di proprietà industriale non può essere affidata al caso. Lo Studio fornisce assistenza alla propria clientela nella fase precontenziosa e nell’eventuale contenzioso in materia di proprietà intellettuale innanzi alle corti italiane,  rappresentando i propri clienti in cause di nullità, decadenza, contraffazione, concorrenza sleale e danno in procedimenti ordinari e cautelari, davanti alle Sezioni Specializzate di tutti i Tribunali e le Corti d’Appello, davanti all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, alla Commissione dei Ricorsi, alla Corte di Cassazione, al Consiglio di Stato e alla Corte Costituzionale.  Lo Studio assiste altresì la propria clientela nella predisposizione e negoziazione di contratti di cessione, licenza, distribuzione, franchising, merchandising, sponsorizzazione, pubblicità e trasferimento di tecnologie.  Ci occupiamo attivamente anche di anticontraffazione congiuntamente ai nostri colleghi penalisti.

Diritto di proprietà intellettuale

E’ possibile suddividere i diritti di proprietà intellettuale in tre grandi famiglie.

La prima è costituita dai segni distintivi (marchi, nomi a dominio) e dalle denominazioni di origine.

La seconda dalle innovazioni tecniche, proteggibili mediante brevetto e software se si tratta di innovazioni tecniche e mediante il design se riguardano la forma di un prodotto.

La terza famiglia è costituita dalle opere dell’ingegno di carattere creativo che vengono tutelate dal copyright.

Quando si parla di Proprietà Intellettuale si fa riferimento agli istituti di Proprietà Industriale (brevetti, marchi e design) ed al copyright.

Per ottenere la tutela di marchi, brevetti e design è necessario effettuare una procedura amministrativa presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM). E’ possibile inoltre ottenere una tutela transnazionale effettuando il deposito presso le Autorità competenti, in particolare l’Ufficio Brevetti Europeo per i brevetti e l’Ufficio Comunitario per i marchi e il design (EUIPO).

A differenza di quanto accade con i brevetti e con i marchi, per ottenere la protezione del copyright di cui alla Legge sul Diritto d’Autore non è necessario alcun tipo di deposito, essendo sufficiente dimostrare di esserne gli autori e di aver creato l’opera prima di altri.

Il Codice di Proprietà Industriale, varato nel 2005 e successivamente aggiornato, offre importanti opportunità per una protezione più efficace dei diritti IP, mettendo a disposizione delle imprese e degli operatori del diritto uno strumento estremamente moderno e competitivo che consente di valorizzare al meglio marchi, brevetti e design.

Marchi, brevetti e design

La tutela delle idee rappresenta una vera e propria strategia di crescita per le aziende e gli imprenditori.

Se la materializzazione dell’idea è un segno per identificare  prodotti o servizi da offrire sul marcato, è possibile registrare un marchio.

La registrazione del marchio consente al titolare di impedire che altri utilizzino il segno per prodotti o servizi identici o simili per un periodo di 10 anni, rinnovabile per sempre.

Se, invece, la materializzazione dell’idea costituisce un’innovazione tecnica, l’imprenditore può brevettare un’idea ottenendo un brevetto per invenzione o un modello di utilità.

Il brevetto tutela una soluzione nuova ed originale ad un determinato problema tecnico, atta ad essere realizzata in campo industriale.

Il modello di utilità tutela le innovazioni tecniche che si risolvono in una nuova forma che conferisce al prodotto una particolare efficacia o comodità di impiego.

La durata dell’esclusiva è ventennale per il brevetto e decennale per il modello di utilità.

Infine, se l’idea si materializza nell’aspetto dell’intero prodotto o di una sua parte, così come nella forma del prodotto, si potrà ottenere la registrazione del design.

Il primo obiettivo del titolare di un marchio, di un brevetto o di un design che subisce una contraffazione è la cessazione dell’illecito.

Il Codice di Proprietà Industriale prevede, quale strumento di reazione immediata contro la contraffazione, la tutela cautelare, che fornisce una reazione tempestiva alle violazioni dei diritti esclusivi, attraverso la previsione di misure quali il sequestro dei prodotti contraffatti, l’inibitoria alla continuazione dell’attività illecita, fino alla pubblicazione del provvedimento.

Know how

Il know how è uno strumento diverso da marchi e brevetti relativo alla tutela delle attività intellettuali.
Esso fa riferimento alle informazioni riservate di natura tecnico-industriale, commerciale, organizzativa e procedurale di un’impresa, quindi al patrimonio di conoscenze pratiche non brevettate, derivanti da esperienze e da prove.

Si parla, quindi, di know how quando queste informazioni sono segrete, cioè non generalmente note o facilmente accessibili agli operatori del settore, hanno valore commerciale in quanto segrete e sono sottoposte a misure adeguate a mantenerle segrete.

Il know how è tutelato da un complesso di sanzioni sia civili sia penali.

Il Codice di Proprietà Industriale tutela le informazioni segrete conferendo alle stesse un vero e proprio diritto di proprietà industriale, nonostante non siano incorporate in un titolo di protezione ottenibile mediante brevettazione o registrazione.

L’art. 2598 c.c. reprime gli atti di concorrenza sleale costituiti dalla rivelazione delle informazioni segrete

Infine, la rivelazione e l’utilizzazione dei segreti professionali ovvero di segreti scientifici o industriali costituiscono un vero e proprio reato, disciplinato dagli artt. 622 e 623 c.p.

Tutela ambientale e varietà vegetali

Per la tutela ambientale della biodiversità risulta fondamentale l’investimento nella ricerca di varietà vegetali sempre più produttive e con un elevato grado di innovazione.

Per rispondere alla crescente domanda dei consumatori sempre più orientati verso prodotti più sani e per combattere lo spreco alimentare è fondamentale investire nell’innovazione vegetale, che rappresenta lo strumento ideale per garantire agli agricoltori varietà vegetali più resistenti a malattie e stress e per offrire ai consumatori prodotti in grado di conservarsi più a lungo.

Le varietà vegetali sono tutelate dal Codice di Proprietà Industriale ed il deposito può essere eseguito direttamente all’UIBM o presso una qualsiasi Camera di Commercio.

I diritti di esclusiva derivanti dalla brevettazione durano venti anni, estesi a trenta anni nel caso di alberi e viti.

Il crescente interesse del consumatore finale nella fase d’acquisto dei prodotti alimentari e agroalimentari salutistici ha reso molto importante regolamentare l’informazione sugli alimenti che viene trasferita mediante etichettatura.

L’etichetta assume quindi un ruolo strategico in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto alimentare, consentendogli di scegliere quello che maggiormente risponde alle proprie esigenze.

Per tale ragione, nel settore alimentare e agroalimentare il contenuto delle etichette deve essere chiaro e facilmente leggibile nonché apposto in modo indelebile.

CONTATTI L’AVVOCATO PER UNA CONSULENZA SPECIFICA DEL SUO CASO

L’Avv. Antenucci si occupa di Diritto Industriale, Proprietà Intellettuale e difesa di marchi e brevetti.

E’ Avvocato collaboratore presso lo Studio Legale Boetti-Villanis Audifredi 

Legga il Curriculum 

Lo Studio Legale Boetti Villanis-Audifredi di Torino è assicurato per la responsabilità professionale con Generali Assicurazioni polizza 242764092 e dal 30/04/2018, con AmTrust Europe, polizza n.17°0097612/2839.

Valutazione Online del Suo Caso

IN POCHE ORE UNA RISPOSTA PRELIMINARE AL SUO QUESITO

Compili la richiesta on line: chiariremo le Sue reali esigenze e le forniremo una valutazione preliminare del suo problema. Entro poche ore riceverà risposta scritta o sarà contattato per eventuali ulteriori informazioni.

Nome e cognome (richiesto)
E-mail (richiesto)
Telefono (richiesto)
Città (richiesto)
Tematica
Descrizione

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo quanto indicato nell'informativa sulla Privacy

Acconsento Studio Legale Boetti Villanis-Audifredi, in qualità di Titolare, all’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, newsletter, compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale con modalità di contatto automatizzate e tradizionali da parte del Titolare

Condividi: